Perché Bill Gates diventa il bersaglio preferito di tutti i complotti

Articolo di Jaime D’Alessandro su Repubblica.it il 27/05/2020

Dal 21 gennaio il cofondatore di Microsoft viene attaccato di continuo e dietro c’è spesso la mano del movimento Q Anon. Nato nel 2017, del complottismo ha fatto ideologia capace di condizionare la politica americana e le primarie repubblicane. Rilegge la storia con una cosmogonia complessa di fatti inventati o travisati. E oltre ad una serie di nemici, ha figure di riferimento fra le quali John Fitzgerald Kennedy Jr che non sarebbe morto nell’incidente aereo del 1999. Ecco chi sono e chi c’è dietro

Nell’ultimo rapporto della statunitense NewsGuard datato 19 maggio, Bill Gates è citato venti volte in diciassette pagine. L’azienda, che analizza l’attendibilità dei siti di informazione online, ha individuato 16 profili su Twitter seguiti nel complesso da 616mila persone che diffondono disinformazione sulla pandemia fra Francia, Germania e Italia.

Per continuare a leggere l’articolo clicca sul link