La nci diramati dall'Agenzia AGI in occasione dell'incontro con la stampa del 29/11/2018

 

Cybersecurity: difesa informatica, 'rating' per Stati e imprese

Articolo di Antonino Caffo per Corriere.it del 30/11/2018

Si sono classificati sesti all’ultima European Cyber Security Challenge di Londra, una sorta di campionati continentali dedicati al codice. Una gara decisamente complessa, dove le prove coinvolgono operazioni di risposta al lancio di virus, a tentativi di furto di dati o a blackout ai danni di centrali elettriche e idriche.

La nazionale Italiana di cyberdefender del CINI ha incontrato gli sponsor Cybaze e Yoroi che hanno illustrato le nuove strategie per difendere il cyberspace italiano  Comunicato stampa 30 Novembre 2018 “Le macchine sono brave a dare risposte ma solo noi possiamo fare le giuste domande”. È quello che ha detto Marco Ramilli di Yoroi a Milano durante l’incontro con la nazionale italiana di cyberdefender sponsorizzata da Cybaze e Yoroi. L’incontro, tenutosi ieri 29 novembre all’Hotel Gallia di Milano durante un press lunch con il direttore del Laboratorio Nazionale di Cybersecurity, professor Paolo Prinetto, gli allenatori e i giocatori della “nazionale hacker” di ritorno dai campionati europei di Londra, ha visto la partecipazione dei vertici dell’azienda italiana di cybersecurity Cybaze. Temi della giornata sono stati l’importanza dell’informazione e della formazione nel campo della cybersecurity, lo sviluppo di tecnologie nazionali per la sicurezza, la pervasività delle transazioni digitali e il rischio cyber per il Made in Italy. Al centro della discussione, la necessità di un cambiamento culturale che muova dall’idea di proteggere gli asset informatici del paese a quella di una cyber-defence attiva e dinamica, capace di adattarsi al variare delle minacce. Durante l’incontro sono state affrontate le tematiche relative alla posizione dell’Italia nel campo della protezione del cyberspace da parte del presidente di Cybaze, l’ex ministro Giulio Terzi di Sant’Agata ha spiegato come nell’attuale scenario geopolitico condizionato dalla sicurezza informatica le imprese specializzate non possano limitarsi a fare affari perché “La sovranità e la libertà sono cose che entrano in diretta relazione con l'avere comunicazioni pulite e interlocutori affidabili”. Un’affermazione a cui ha fatto eco Marco Castaldo, amministratore delegato di Cybaze, secondo cui “gli amministratori delegati delle aziende, di tutte le aziende, dovrebbero avere una maggiore attenzione ai rischi informatici e non solo a quelli finanziari”. Per l’occasione Marco Ramilli ha presentato la “versione beta” di Yomi, un’applicazione open source tutta italiana che consentirà di controllare a chiunque se un file è infetto oppure no usando un sistema di ricompensa per chi fa analizzare e permette di scoprire più file infetti, in base a “un meccanismo di gamification che presenti una classifica dei migliori “cacciatori” di contenuti malevoli”. A spiegare l’importanza di favorire l’impegno di cittadini ed esperti nell’individuare virus e malware è intervenuto l’ingegnere Pierluigi Paganini, chief technology officer di Cybaze, che ha raccontato lo scenario delle tentate incursioni hacker a danno dell’industria navale italiana nell’operazione denominata Marty Mc Fly e illustrato le innovative tecniche di difesa dell’azienda. “Cybaze è parte di questo sforzo” ha detto Marco Castaldo, “quello di creare un polo italiano della cybersecurity che faccia dell'italianità un vantaggio competitivo. Per questo seguiamo da vicino le iniziative e le attività dei nostri giovani talenti informatici selezionati dal CINI grazie al progetto Cyberchallenge.IT”.   media@csecybsec.com – M. + 39 335 6785259 [section_tc][column_tc span='12'][alert_box_tc style='info' trigger_pt='0' duration='1000' delay='0'] Download in versione pdf [/alert_box_tc][/column_tc][/section_tc]...

Articolo di LineaEDP del 26/09/2018 La triestina Emaze, azienda italiana attiva nelle soluzioni per l’information security, incorporerà la romana CSE Cybsec, specialista nella fornitura di soluzioni per la cybersecurity. Da questa operazione nascerà Cybaze, vero e proprio polo di riferimento in Italia nell’ambito della cybersecurity e con 90 dipendenti, uffici a Milano, Udine, Trieste, Roma, Napoli e Benevento, una presenza all’estero, a Bruxelles e Lugano, e un volume d’affari di circa 6 milioni di euro. Quest’ultimo, con l’imminente acquisizione di altre realtà, dovrebbe arrivare a quota 10 milioni di ricavi e 120 dipendenti entro la fine dell’anno, per poi raggiungere numeri ulteriormente in crescita grazie al consolidamento di un settore ancora molto frammentato, alla digitalizzazione dei processi e alla normativa europea sulla protezione dei dati. A detenere il controllo della nuova entità continueranno a essere gli azionisti di Emaze rappresentati dal gruppo Cogein-Data Management e da A2000.it. La governance di Cybesec vedrà l’ingresso come presidente dell’ambasciatore Giulio Terzi di Sant’Agata, diplomatico e già ministro degli Esteri nel governo Monti, l’amministratore delegato sarà Marco Castaldo, Domenico Cavaliere opererà quale senior advisor affiancando l’amministratore delegato, mentre a Pierluigi Paganini andrà il coordinamento tecnologico. A2000.it è stata assistita nell’operazione da BF & Company in qualità di M&A advisor, il cui team, nelle persone di Alessandro Bartolini e Alessandro Zanatta, ha supportato A2000.it nelle attività di analisi degli aspetti economici dell’operazione....

Articolo de Ildenaro.it del 24/09/2018 Emaze Spa, azienda italiana con sede a Trieste e attiva nelle soluzioni per l’information security, incorporerà Cse Cybsec Spa, azienda italiana con sede a Roma e attiva nella fornitura di soluzioni per la cybersecurity, assumendo la denominazione di Cybaze Spa. “Con tale operazione -spiega una nota di Cybaze- si crea il polo di riferimento in Italia nell’ambito della cybersecurity e intelligence, con 90 dipendenti, uffici in Italia (Milano, Udine, Trieste, Roma, Napoli e Benevento) ed estero (Bruxelles e Lugano), e un volume d’affari di circa 6 mln di euro”. L’obiettivo è di mettere in atto nelle prossime settimane ulteriori importanti acquisizioni per costituire entro l’anno un gruppo con circa 10 mln di euro di ricavi e 120 dipendenti, consolidando un settore ancora molto frammentato, con oltre 100 operatori. Il settore è destinato a crescere fortemente nei prossimi anni, sotto la spinta, tra l’altro, della digitalizzazione dei processi e della normativa europea sulla protezione dei dati. Gli azionisti di Emaze (gruppo Cogein-Data Management, player italiano attivo da oltre 40 anni nella fornitura di software per la gestione delle risorse umane entrato nella compagine societaria verso la fine del 2016, con il 55%; e A2000.it, holding di partecipazioni di Domenico Cavaliere, amministratore delegato di Emaze, che ha condotto il management buyout nel 2013, rilevando la società dal fondo di investimento tedesco Cipio Partners, titolare del 45%) continueranno a detenere il controllo della nuova entità....

Articolo de IlFriuli - ottobre 2018 Emaze Spa, azienda triestina specializzata nelle soluzioni per l’information security, incorporerà Cse Cybsec Spa, con sede a Roma e attiva nella fornitura di soluzioni per la cybersecurity, assumendo la denominazione di Cybaze Spa. Con questa operazione si crea il polo di riferimento in Italia nell’ambito della sicurezza informatica, con 90 dipendenti, uffici in Italia (Milano, Udine, Trieste, Roma, Napoli e Benevento) e all’estero (Bruxelles e Lugano) e un volume d’affari di circa 6 milioni. L’obiettivo è di mettere in atto nelle prossime settimane ulteriori importanti acquisizioni per costituire entro l’anno un gruppo con circa 10 milioni di ricavi e 120 dipendenti, consolidando un settore ancora molto frammentato, con oltre 100 operatori. Il settore è destinato a crescere fortemente nei prossimi anni, sotto la spinta, tra l’altro, della digitalizzazione dei processi e della normativa europea sulla protezione dei dati. Gli azionisti di Emaze (gruppo Cogein-Data Management - player italiano attivo da oltre 40 anni nella fornitura di software per la gestione delle risorse umane  entrato nella compagine societaria verso la fine del 2016 - con il 55%; e A2000.it - holding di partecipazioni di Domenico Cavaliere, amministratore delegato di Emaze che ha condotto il management buyout nel 2013, rilevando la società dal fondo di investimento tedesco Cipio Partners - titolare del 45%) continueranno a detenere il controllo della nuova entità. La governance di Cybesec vedrà l’ingresso come presidente dell’ambasciatore Giulio Terzi di Sant’Agata, diplomatico e già ministro degli Esteri nel governo Monti, l’amministratore delegato sarà Marco Castaldo, Domenico Cavaliere opererà quale senior advisor affiancando l’amministratore delegato, mentre a Pierluigi Paganini andrà il coordinamento tecnologico. A2000.it è stata assistita nell’operazione da BF & Company in qualità di M&A advisor, il cui team, nelle persone di Alessandro Bartolini e AlessandroZanatta, ha supportato A2000.it nelle attività di analisi degli aspetti economici dell’operazione. Questa transazione continua il trend positivo nello sviluppo dell’attività del team di corporate finance di BF & Company, che oltre alle operazioni di Trentinalatte e Prisma ha visto anche uno dei soci di BF & Company assistere il gruppo Custom nell’acquisizione di Italiana Macchi S.r.l. nel maggio scorso. Emaze S.p.A. è un’azienda italiana focalizza esclusivamente sulla sicurezza delle informazioni, con uffici a Bruxelles, Milano e Roma e software lab a Trieste e Udine. Dalla sua fondazione nel 2000, Emaze fornisce servizi e soluzioni a molti dei principali player nei settori telecomunicazioni, bancario, assicurativo e ferroviario (ad esempio Ferrovie dello Stato e Oman Telecom). Emaze conta 75 qualificati dipendenti e gode delle certificazioni ISO9001 e ISO27001. Italy e membro del consiglio di amministrazione di società partecipate da fondi di private equity, tra cui Moleskine S.r.l. e altre PMI italiane....

Articolo di Tecnelab.it del 2/10/2018 Emaze S.p.A. (www.emaze.net), azienda italiana con sede a Trieste, attiva nelle soluzioni per l’information security, incorporerà CSE Cybsec S.p.A.(https://csecybsec.com/), azienda italiana con sede a Roma, attiva nella fornitura di soluzioni per la cybersecurity, assumendo la denominazione di Cybaze S.p.A. (www.cybaze.com). Con tale operazione si crea il polo di riferimento in Italia nell’ambito della cybersecurity e intelligence, con 90 dipendenti, uffici in Italia e all’estero e un volume d’affari di circa 6 milioni di euro. L’obiettivo è di mettere in atto nelle prossime settimane ulteriori importanti acquisizioni per costituire entro l’anno un gruppo con un ricavato di circa 10 milioni di euro e 120 dipendenti, consolidando un settore ancora molto frammentato, con oltre 100 operatori. Il settore è destinato a crescere fortemente nei prossimi anni, sotto la spinta della digitalizzazione dei processi e della normativa europea sulla protezione dei dati. Gli azionisti di Emaze continueranno a detenere il controllo della nuova entità: si tratta del gruppo Cogein, un Data Management e player italiano attivo da oltre 40 anni nella fornitura di software per la gestione delle risorse umane, entrato nella compagine societaria verso la fine del 2016 con il 55%; e di A2000.it di Domenico Cavaliere, Amministratore Delegato di Emaze che ha condotto il management buyout nel 2013, rilevando la società dal fondo di investimento tedesco Cipio Partners e che è titolare del 45%. La governance di Cybsec vedrà l’ingresso come presidente dell’ambasciatore Giulio Terzi di Sant’Agata, diplomatico e già ministro degli Esteri nel governo Monti, e del nuovo Amministratore Delegato Marco Castaldo. Domenico Cavaliere opererà quale Senior Advisor affiancando Castaldo, mentre a Pierluigi Paganini andrà il coordinamento tecnologico. In qualità di M&A advisor, la società BF & Company, composta da Alessandro Bartolini e Alessandro Zanatta, ha supportato A2000.it nelle attività di analisi degli aspetti economici dell’operazione. Questa transazione continua il trend positivo nello sviluppo dell’attività del team di corporate finance di BF & Company, che, oltre alle operazioni di Trentinalatte e Prisma ha visto anche uno dei soci della società assistere il gruppo Custom nell’acquisizione di Italiana Macchi s.r.l. nel maggio scorso.  ...